7.7.14

L'islandese di Spagna.

Diego Costa ha lasciato la Spagna dopo un Mondiale deludente: il brasiliano naturalizzato spagnolo è stato il migliore nell'ultima stagione della Liga con la maglia dell'Atlético Madrid. Il centravanti dei Colchoneros è stato forse anche la migliore sorpresa del campionato iberico. Ora arriva qualcuno che si candida a prendere il suo posto: Alfred Finnbogason, attaccante islandese, è un nuovo giocatore della Real Sociedad. Ottima operazione, per la modica cifra di otto milioni di euro.

Finnbogason con la maglia dell'Heerenveen: 29 gol per lui quest'anno.

Il viaggio di Finnbogason nel calcio europeo è partito da lontano. Da Grindavík, precisamente. La città natale del bomber altro non è che un piccolo paese di pescatori sulla costa sud-occidentale dell'Islanda. Lì è nato Alfred nel 1989: in poco tempo, il calciatore è cresciuto ed è diventato - a soli vent'anni - una delle rivelazioni del campionato nazionale. Sono arrivate diverse possibilità di provino: in Norvegia, con il Blackpool in Inghilterra (pensate cosa avrebbe combinato nel 4-3-3 di Holloway!) e con il Genk in Belgio. Nessuno di questi però è andato a buon fine. Così Finnbogason si è trasferito effettivamente in Belgio, ma con la maglia del Lokeren. Nonostante il campionato belga sia un laboratorio di talenti destinati a esplodere, non c'è stata pazienza nell'aspettare l'islandese: dopo sei gol in un anno e mezzo, Finnbogason se ne è andato in Svezia per cercare miglior fortuna.
Col senno di poi il prestito all'Helsinborg è stato utile per crescere: 13 gol in 22 match. Chi non si è fatto sfuggire l'occasione a quel punto è l'Heerenveen, che ha acquistato il centravanti per pochi spiccioli dal Lokeren (500mila euro!). Pochi sopratutto se consideriamo quanto il ragazzo - a 23 anni - potesse ancora migliorare. Giunto in Olanda, Finnbogason ha fatto vedere quello di cui è capace: 28 reti il primo anno, 31 il secondo. Tanto per fare un paragone: capocannoniere della Eredivisie 2013-14 con 29 centri, solo Luis Suarez e Cristiano Ronaldo hanno fatto meglio nei loro campionati. Peccato che i gol nel campionato olandese valgano meno, altrimenti l'islandese sarebbe stato un serio candidato anche per la Scarpa d'Oro. La squadra è rimasta stabilmente in zona europea e sopratutto Finnbogason è stato aiutato dall'avere come allenatore un ex calciatore, che s'intende vagamente del gol: Marco van Basten, il manager dell'Heerenveen ed ex commissario tecnico della nazionale olandese.


Quest'estate c'è stata una grossa battaglia per il suo cartellino. Finnbogason non nasconde che il suo sogno sia quello di giocare nel Manchester United, di cui è tifoso sfegatato. Tuttavia, per ora si dovrà "accontentare" della Real Sociedad, che ha bruciato la concorrenza di Olympiacos e Villareal. Per l'islandese - che sogna un giorno di giocare in Premier - arriva quindi la possibilità di misurarsi con un campionato più tosto come la Liga, seppur non ci siano difese esattamente granitiche. Del resto, il club basco gioca con un 4-3-3 e Finnbogason si può adattare sia al centro che sull'esterno. E la Real Sociedad, pronta a disputare un'altra stagione in Europa, forse dovrà rinunciare a uno tra Antoine Griezmann e Haris Seferović, inseguiti sul mercato da molte squadre. Perciò ben venga un colpo del genere.
Non solo: se migliorerà, Finnbogason avrà qualche possibilità in più di trascinare la sua nazionale al prossimo Europeo. Ma la vera domanda è: dove sono le italiane in quest'affare di mercato? Sento di una Juventus che è pronta a investire 25 milioni su Iturbe o la Roma che cerca un attaccante centrale per molti soldi. Possibile che non ci fosse nessuno in Italia disposto a spendere su questo ragazzo? Eppure è stata un'occasione d'oro per il calcio italiano. Due anni in Serie A e si sarebbe potuto rivendere almeno al doppio. E fare del modello Udinese non una boutade teorica, bensì una pratica concreta.
C'è anche un'altra curiosità sull'incrocio Finnbogason-Italia: nel 2007, Alfred ha fatto uno scambio culturale come studente, rimanendo in Sardegna per cinque mesi. Nell'isola, l'attaccante ha militato con il Sassari Torres e ha trovato anche il tempo di segnare un gol in amichevole all'allora U-17 italiana. Insomma, i segnali di un possibile affare ci sono stati, ma in Italia si sa: meglio ignorare la cosa. Beh, meglio così. Il nostro calcio farà giocare i giovani. O forse no? Intanto, l'islandese di Spagna si gode la sua nuova avventura. E chissà che non faccia mordere le mani a qualcuno in giro per il mondo.

Alfred Finnbogason, 25 anni, è pronto per l'avventura con la Real Sociedad.

Nessun commento:

Posta un commento